Il film Su Queste Montagne chiude la trilogia dell’ Appennino

Dopo “Lontano da tutti“, film che racconta l’esilio di un uomo nei rilievi del Terminillo e “Il lento inverno“, ambientato a Norcia e Castelluccio in seguito al terremoto, Andrea Sbarretti torna a girare nelle vette del preappennino umbro. Si intitola “Su queste montagne” ed è la vicenda reale di Dante e Pietro che abitano in due paesini speculari della Valnerina: Castellonalto e Colleolivo. Si sono conosciuti trenta anni fa, quando Pietro si insediò su un rudere a circa 1000 metri di altitudine, conducendo una vita da eremita. L’iniziale diffidenza di Dante si è poi trasformata in rispetto, nei confronti di quest’uomo che ha scelto di vivere lontano dalla civiltà.

I pochi abitanti di queste frazioni, mantengono ancora quelle abitudini fatte di gesti semplici ma sinceri, di fatica, di abnegazione e bontà. Come Fabiano e suo padre che ogni mattina si recano in alta quota per accudire le loro mucche, o come Manuel che ha scelto la solitudine a una vita frivola. Essi sono i testimoni inconsapevoli di un mondo rurale che resiste e che attraverso la quotidianità, tramanda tradizioni e costumi ormai persi da tempo.

Trailer Su Queste Montagne

Guarda tutte le informazioni su Andrea Sbarretti

'Su queste montagne' il nuovo film di Andrea Sbarretti, chiude la trilogia dell' Appennino.

L’articolo Il film Su Queste Montagne chiude la trilogia dell’ Appennino proviene da ValnerinaOnLine.